PUGLIA, PROBLEMI SULLA REGOLAMENTAZIONE DELLE ENERGIE RINNOVABILI

0
Sulle energie rinnovabili problemi per la maggioranza in aula di Consiglio Regionale della Puglia. Sull’episodio è intervenuto ieri il capogruppo del PD alla Regione Puglia, Antonio Decaro, “oggi (ieri ndr) abbiamo perso l’occasione di dotare la nostra regione di una legge di riordino alla quale le forze politiche in Consiglio stanno lavorando in sinergia da un anno. E non capisco come mai, su una legge che tiene insieme le tre proposte di Pd, Sel e Udc, si sia chiesta la verifica del numero legale in Aula, dal momento che eravamo tutti a conoscenza delle richieste di congedo di alcuni consiglieri”.
Per sottolineare l’importanza e la validità del testo di legge in questione, Decaro ricorda innanzitutto “l’apprezzamento unanime di tutte le forze politiche per le audizioni delle Procure della Repubblica al fine di mettere il settore delle rinnovabili al riparo da infiltrazioni mafiose. Una legge – prosegue – che consente un riordino delle attività e degli iter autorizzativi per l’installazione di nuovi impianti; che ci permette di dare agli Enti locali uno strumento per governare il settore; e che ci dà la possibilità di ridurre il contenzioso. Stiamo rimandando l’occasione di dare alla Puglia precisi criteri per favorire ulteriormente la produzione di energia rinnovabile compatibilmente con la tutela dell’ambiente; orientando lo sviluppo del settore sia verso il fotovoltaico integrato sui tetti delle abitazioni delle famiglie e su quelli delle piccole e medie aziende pugliesi, sia verso le piccole centrali a biomasse a filiera corta per l’autoproduzione energetica delle aziende agricole e industriali”.
“Data l’importanza del provvedimento all’esame del Consiglio, ma a prescindere dallo stesso – precisa il capogruppo Pd – non riesco proprio a comprendere le motivazioni che hanno portato a chiedere la verifica del numero legale in Aula, dal momento che sapevamo da questa mattina, guardando le richieste di congedo, che la maggioranza non aveva i numeri; e considerato che avevamo appena terminato la riunione dei capigruppo al fine di definire una posizione unitaria sui sub-emendamenti presentati oggi.”
“Sinceramente – sottolinea infine – mi aspettavo un atteggiamento più responsabile non solo da parte dell’Udc, ma anche dalle fila del Pdl. Ma forse, ho riposto troppa fiducia nell’opposizione. Per questo, chiedo al centrosinistra di non fidarsi piu’ del clima di leale collaborazione dichiarato anche oggi dalla minoranza e di tenere, d’ora in avanti, un atteggiamento piu’ attento a garantire il numero legale in Aula”.

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook