L’ITALIA NON NE PUO’ PIU’, NASCE IL PARTITO DEGLI ESCLUSI

0

L’Italia, è proprio vero, non ne può più e allo stesso tempo vuole reagire, nasce “Outsider”, il partito degli esclusi come loro stesso amano definirsi. In un silenzio mediatico sulla vita reale del Paese abbiamo deciso di pubblicare il loro annuncio che va raccolto, a nostro avviso, come un segnale. Gli italiani ci sono ancora e vogliono reagire. Nessuna  Ecco il loro annuncio:

Il 15 ottobre, mentre gli indignados italiani scenderanno in piazza chiedendo l’abolizione del capitalismo, a Roma nella sala Capranichetta (piazza Montecitorio 131) dalle 10 di mattina avverrà il lancio ufficiale di Outsider – Partito degli Esclusi (www.partitodegliesclusi.it), movimento trasversale di giovani, donne, italiani all’estero e stranieri in Italia, che alla rabbia e alla protesta affianca soluzioni concrete nell’interesse di quanti, finora, sono stati estromessi dalle grandi scelte strategiche della politica.

Dice no all’antipolitica, ma vuole nuova Politica: “nove idee nuove” per il rilancio del Paese e l’inclusione sociale, che vanno dalle liberalizzazioni, alla “einaudiana” abolizione del valore legale del titolo di studio, all’accorpamento in uno del Ministero dell’Economia e della Gioventù, passando dall’innalzamento dell’età pensionabile e dalla cittadinanza per le seconde generazioni d’immigrati. Un programma né di destra né di sinistra né di centro: “di sopra”, si può definire, perché guarda lontano.

La giornata si aprirà alle 10 di mattina con una “non conferenza” nella quale ogni partecipante avrà  massimo 5 minuti per dire la sua, mentre nel pomeriggio sarà presentata la campagna per la proposta di legge d’iniziativa popolare per il contratto unico di lavoro.

E sono proprio le soluzioni concrete a caratterizzare Outsider, che quindi non punta a diventare l’ennesimo partitino, l’obiettivo è un altro: costituire una massa critica, fuori ma anche dentro i partiti esistenti, che combatta per le istanze comuni delle nuove generazioni e delle altre categorie di “esclusi”, di cui l’Italia è ricca.

Il movimento è nato a metà settembre grazie a una cinquantina di fondatori, che fino al primo congresso del 15 marzo 2012 saranno anche tutti Portavoce. Tra i fondatori, che si sono autofinanziati per dare vita ad Outsider,  ci sono studenti, avvocati, commercialisti, medici, consulenti d’impresa, docenti universitari, imprenditori, registi, commercianti, giornalisti, funzionari pubblici e dipendenti di aziende private. Dal 15 settembre ad oggi, sono già migliaia le adesioni raccolte on line: la sfida, ora, è partecipare ai dibattiti e rompere le barriere dei “circoli esclusivi”, anche in tv, per rivoluzionare i contenuti politici del nostro Paese troppo invecchiato e chiuso.

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook