COSA VIENE FUORI DALLE URNE IN 10 PUNTI

0
Proviamo, molto velocemente e per punti a fare un\’analisi del voto che non sia partigiana:
  1. Il Cavaliere non sfonda, rimane ancorato più o meno al consenso precedente e quindi non ha quell\’avanzata trionfale in cui credeva. Si è evitato così il plebiscito per cui gli italiani hanno dimostrato di votare secondo la propria coscienza tenenedo assolutamente in poco conto le televisioni e la stampa.
  2. il Cavaliere ha concesso troppo spazio alla Lega e questo per il sud è un male, ma non perchè a questo punto è necessario rivolgersi PD, ma perchè evidentemente c\’è bisogno nel centrodestra del sud di qualcuno che vermanente ne difenda le istanze.
  3. Sarebbe l\’inizio della secessione o del separatismo se il sud si rivolgesse tutto al PD e il nord a PDL e Lega. C\’è bisogno di dialettica e alternanza democratica in tutte le parti del PAESE.
  4. Il PD non crolla come qualcuno si aspettava, ma perde il 5-6% rispetto alle precedenti elezioni… Il che non può certo dirsi una vittoria, ma semplicemente un nuovo inizio da cui partire e lavorare con una proposta seria e credibile per tutta l\’Italia a cominciare anche dal Nord.
  5. Cresce Di Pietro, non per merito del PDL o non solo del PDL, ma per merito del PD che forse troppo frettolosamente lo ha scelto come unico alleato isolando alcune forze di sinistra il cui voto, a meno che il PD non si inventi qualcosa, è sostanzialmente disperso e sprecato.
  6. L\’Italia non è bipolare o bipartitica.. PD e PDL messi insieme superano di poco il 60% il che vuol dire che c\’è il 40% dei "votanti" italiani che vota diversamente.
  7. Gli esponenti del PDL del sud devono capire che non si può sempre e solo accettare per amor di casacca le necessità del nord e del Cavaliere ingabbiato da Bossi, gli esponenti del PD devono capire che non si può sempre e solo fare una campagna contro qualcuno, ma una campagna per qualcosa. L\’Ulivo è stato vincente fino a quando ha rappresentato un "sogno possibile", adesso il PD se non rincorre Di Pietro rincorre le scorribande vere o presunte del Cavaliere.
  8. L\’UDC, Italia dei Valori e la Lega sono delle realtà, fanno politica dicono qualcosa ai cittadini e i cittadini danno loro credito.
  9. I valori e le proposte del PPE in Europa risultano essere molto più credibili di quelle del PSE e delle altre forze politiche continentali.
  10. Il voto delle amministrative sarà il vero termometro politico sul quale fare delle valutazioni soprattutto per le forze politiche maggiori.

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook