QUANDO LA FOTOGRAFIA INCONTRA LA PIETRA

0

Gravina in Puglia. – È stata inaugurata domenica, presso il Palazzo Ducale Orsini di Gravina in Puglia, alla presenza del presidente della Provincia di Bari Francesco Schittulli e del sindaco di Gravina Giovanni Divella, la mostra fotografica ‘Lacrime di Pietra’, organizzata dall’associazione culturale UnderGrà.

L’iniziativa, a cui hanno partecipato circa 50 concorrenti che hanno presentato oltre 80 scatti fotografici, ha lo scopo di far riscoprire ai cittadini di Gravina e dei paesi limitrofi le proprie radici e il proprio territorio, oltre a sensibilizzarli a un recupero dell’identità di popolo.

Tema della mostra è il “tufo”, materiale malleabile che la natura e l’uomo nel tempo  hanno forgiato in forme sublimi e bizzarre, presenti per le vie della città murgiana. Queste tracce rappresentano metaforicamente ‘lacrime di pietra’ in una città come Gravina che è segnata, da un lato, dal suo stesso territorio – torrente, pietra e “grana et vina” -, dall’altro da un nobile passato: infatti, durante la dominazione greca e romana sino al basso medioevo fu sede di vescovi e centro strategico di importanza militare e commerciale; nel XIII-XIV sec. Fu capoluogo di contea durante la dominazione normanna e feudo di Federico II e Carlo D’Angiò; nel XV-XVII fu insigne città ducale sotto gli Orsini e patria del Papa Benedetto XIII.

Durante l’inaugurazione della mostra sono state premiate le migliori fotografie del concorso – una per ciascuna sezione – a seguito di un’accurata selezione da parte di una giuria tecnica composta, tra gli altri, da Raffaele Vitulli di Federcultura Turismo e Sport e presidente della cooperativa ArteZeta di Matera, Andrea Riviello, scrittore gravinese e da Carlos Solito, fotografo tarantino.

Gli scatti fotografici più suggestivi e originali, premiati da Egidio Buonamassa, presidente di Undergrà,  sono ‘Amen’ di Giuseppe di Gennaro per sez. ‘Lacrime di pietra’, ‘Animatophus’ di Arcangela Cicolecchia e Marisa Dipasquale per sez. ‘Frammenti di vita’ e ‘Bloody walls’ di Angelo Foggetta per sez. ‘Frammenti di memoria’.

Infine, durante l’inaugurazione della mostra – curata da Egidio Buonamassa, Stefania Lorusso e Mariateresa Loverre – è stata realizzata una degustazione cromatica ‘Coloribo’ dell’artista barese Bice Perrini.

La mostra ‘Lacrime di pietra’ resterà aperta al pubblico sino al 30 settembre dalle 10 alle 22.

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook