LE FINALISTE DI MISS MONDO ITALIA AL G8 ECONOMIA DI LECCE

0
Non ci saranno solo delegazioni economico-finanziarie ed i ministri dei maggiori paesi industrializzati del pianeta, durante il prossimo caldo fine settimana Leccese. Udite udite, anche le finaliste italiane del concorso nazionale di bellezza “Miss Mondo Italia 2009”, in programma la notte di sabato 13 giugno 2009 a Gallipoli nell\’area portuale Bleu Salento, hanno ufficialmente annunciato in una nota la loro presenza al vertice internazionale dell\’economia.
Chiaro l\’obiettivo delle 51 miss finaliste del concorso italico che sceglierà la miss che il prossimo 12 dicembre rappresenterà l\’Italia alla finale mondiale in programma a Johannesburg in Sud Africa: “consegnare una lettera al ministro delle Finanze tedesco signor Peer Steinbrueck, o quantomeno recapitarla alla delegazione che fa capo alla cancelliera tedesca Angela Merkel” . Questo quanto riportato nella scarna nota diffusa dall\’ufficio stampa del concorso e che in poche ore ha fatto il giro della Penisola. “Oggi intorno a mezzogiorno, nel pieno rispetto quindi delle misure di sicurezza che dalle 14.00 blinderanno il centro di Lecce in occasione dell\’arrivo delle delegazioni dei paesi membri del G8, le 51 finaliste di Miss Mondo Italia 2009, elegantemente vestite per l\’importante occasione, attenderanno il ministro delle finanze Tedesco Peer Steinbrueck o la sua delegazione, per consegnargli personalmente un documento controfirmato proprio dalle miss”.
“Molte delle concorrenti essendo studenti di economia, chiederanno al ministro Steinbrueck e con ogni probabilità per conoscenza al ministro italiano Giulio Tremonti, alcuni quesiti in merito alla crisi finanziaria, alla delicata situazione del settore automobilistico mondiale, alle alleanze e fusioni strategiche sviluppatesi nelle ultime settimane, alle eventuali ripercussioni che queste potrebbero avere sull\’occupazione. Possibile che le nostre miss si siano chieste anche in una logica ottica occupazionale tutta italiana, il perchè del mancato accordo nel nome dell\’Europa unita, tra la tedesca Opel e l\’italiana Fiat a tutto vantaggio della canadese Magna, a pochi giorni dal salvataggio ad opera del Lingotto dell\’americana Chrisler. Il tutto avverrà come hanno chiesto le miss nel pieno rispetto delle norme di sicurezza stabilite dalla Prefettura ed in sintonia con i consigli delle forze di sicurezza che garantiranno il buon esito del vertice”.
 Non c\’è nulla di male ne di strano… chiedere è lecito rispondere è cortesia.

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook