L’ORTOFRUTTA EUROPEA AL SUMMIT DI CESENA

0

Il Summit Europeo dell’ortofrutta, organizzato da CSO, Regione Emilia Romagna e Macfrut, mostra  una situazione  produttiva estremamente scarsa in tutto l’emisfero  Nord.

Tutta la frutta invernale  a partire dalle mele per proseguire con le pere, il kiwi e per finire con gli agrumi presenta una situazione produttiva in cui mediamente si scende dal 10 al 20% rispetto all’anno scorso con punte estreme in Italia sul kiwi ad esempio dove il calo di produzione in alcune aree come Emilia Romagna e Piemonte, raggiunge rispettivamente – 38%  e – 35 %.O come nel caso della pera Abate che quest’anno registra la minor produzione degli ultimi 10 anni (-35% sul 2009 ) .

“Questa situazione – dichiara Luciano Trentini, direttore di CSO –  premierà l’offerta di qualità ma accenderà  la competizione sui prezzi  accentuando la concorrenza tra fornitori. L incognita sarà  per i produttori che non sempre potranno ricavare una plv capace di garantire un reddito sufficiente”.

Analizzando nel dettaglio le singole specie di frutta invernale si registra per le mele una produzione europea di 9.800.000  di tonnellate con un calo del 11% rispetto al 2009. Le previsioni 2010 per i principali paesi produttori vedono un calo importate in Polonia – 24 %, altrettanto si può dire per la Germania con -17% , per l’Italia il calo produttivo previsto rispetto al 2009  si attesta sul – 3% e per la Francia si attende un – 4%.

Entrando nel dettaglio  delle performance varietali è da notare la crescita esponenziale a livello europeo degli impianti di Fuji cresciuti nell’ultimo triennio del 35% con un potenziale produttivo di circa 200.000 tonnellate.

Per le pere in Europa si prevede una produzione 2010 di 2.150.000 tonnellate pari al – 19% rispetto al 2009 .

Calano gli impianti in Francia, Portogallo e Spagna mentre si rafforza la pericoltura in Olanda e Belgio con  produzioni previste per quest’anno  inferiori all’annata record 2009.

In aumento gli impianti europei di Conference e Rocha, tutte le altre varietà sono in ridimensionamento.

Per il kiwi la produzione prevista nell’Emisfero nord registra un calo del – 17%.

Scendono le produzioni  di  tutti i paesi principali produttori tra cui  l’Italia che è primo produttore del mondo. Solo il kiwi californiano registra una crescita produttiva per il 2010.

Il 70% del kiwi prodotto in Italia è destinato all’esportazione e questa specie rappresenta da sola ben il 14% dell’export di frutta italiano.

In questo contesto a livello europeo si registra una crescita delle produzioni di frutta mondiali dal 2000 al 2009 del + 24%.

L’Asia passa dal 43% ( media 2000-02) al 50%  nel 2009 di quota di produzione mondiale mentre l’Europa scende nello stesso periodo dal 16 al 12%.

E in un contesto di grande competizione globale  si amplia il ventaglio dei mercati di sbocco con potenzialità  importanti per l’export europeo  .

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook