Milano – Il cinese è una lingua molto complessa. Tale difficoltà è ben chiara a un occidentale che prova a impararla e un po’ meno a un madrelingua che la apprende in maniera del tutto naturale. È questo il punto di partenza che ha permesso a Giuseppe Tomasello di ideare e fondare Edugo, una startup che ha una missione molto chiara: facilitare l’insegnamento delle lingue straniere attraverso la tecnologia e migliorare nello stesso tempo la redditività delle scuole messe in ginocchio dall’emergenza Covid.

 

«Ho studiato business, ma ho iniziato a programmare perché volevo creare un sistema automatizzato che mi permettesse di imparare il cinese più velocemente e in maniera mirata per le mie esigenze». Spiega Tomasello. «È nato così il nucleo di Edugo che poi grazie a un team internazionale ha dato vita a un sistema di Intelligenza Artificiale in grado di velocizzare l’apprendimento delle lingue e renderlo meno dispendioso per le scuole».

 

Le scuole di lingue e la pandemia

Il settore educativo è uno dei più colpiti dalla crisi del 2020. Le scuole sono state costrette ad adottare soluzioni di apprendimento a distanza per 1,5 miliardi di studenti in tutto il mondo. La maggior parte delle scuole di lingue si è trovata impreparata a questa crisi e, quasi un anno dopo, sta ancora adottando soluzioni di apprendimento a distanza, piuttosto che abbracciare una più articolata strategia  online. Questi istituti hanno bisogno di una soluzione scalabile, che permetta loro di acquisire nuovi studenti online, nonché di digitalizzare i contenuti linguistici in modo efficiente, interattivo e coinvolgente per gli studenti, ma anche facile e intuitivo da creare per insegnanti. Tutto questo è possibile grazie a Edugo.

 

Come funziona Edugo

La piattaforma Edugo si basa su un software unico che negli anni si è perfezionato per andare incontro alle esigenze delle scuole che hanno bisogno di rendere scalabile il proprio business. «Partiamo dal presupposto che questa è una piattaforma per l’insegnamento a distanza». Spiega Tomasello. «Normalmente, l’unico elemento non scalabile in un sistema di questo tipo è l’insegnante. Attraverso la nostra piattaforma, il lavoro di un singolo teacher viene invece ottimizzato. Dopo ogni lezione dal vivo, infatti, Edugo genera in pochi minuti una revisione completa della lezione, consentendo così agli studenti di padroneggiare e praticare la lingua con contenuti personalizzati e interattivi, oltre a offrire loro un feedback istantaneo sulle loro prestazioni. Il lavoro dell’insegnante viene così notevolmente semplificato». In pratica, ogni lezione tenuta dal vivo viene elaborata dall’Intelligenza Artificiale che estrapola regole, sintassi, pronuncia e grammatica e crea degli esercizi ad hoc che lo studente potrà continuare a studiare sotto forma di esercitazioni, senza rendere nuovamente necessaria la presenza dell’insegnate«Il sistema IA personalizza le lezioni battendo sui punti critici evidenziati dallo studente in modo da non rendere noiose le sessioni, ma estremamente mirate ed efficaci. Abbiamo condotto dei test e quello che ne è venuto fuori è una velocità di apprendimento 5 volte superiore a un percorso tradizionale» Racconta Tomasello.

 

La raccolta fondi su CrossFund.asia

Fondata a Hong Kong nel maggio 2019, Edugo è una startup dal team internazionale ma con una forte componente italiana che fornisce la propria tecnologia ad almeno 30 istituti linguistici sparsi in tutto il mondo ed è in grado di insegnare otto lingue diverse: cinese, francese, inglese, spagnolo, portoghese, italiano, tedesco e olandese.

 

«Abbiamo una roadmap e una visione del futuro molto ambiziosa». Spiega Tomasello. «Dal 2000, i ricavi nel settore dell’e-learning sono cresciuti di oltre il 900% e grazie alla nostra tecnologia unica siamo in grado aspirare a un ruolo da protagonisti in questo ecosistema. Non è un caso se uno dei principali player del settore ha già manifestato l’intenzione di acquisire una fetta importante delle quote di Edugo. Tuttavia, al momento abbiamo lanciato una campagna sulla piattaforma crossfund.asia per una raccolta di 500mila dollari che ci servirà a scalare più velocemente». Ricordiamo che Crossfund è una piattaforma internazionale di Angels che raccoglie capitali da un nucleo di investitori asiatici ed europei accreditati unicamente tramite invito. «Mi è capitato raramente di avere a che fare con una startup con la determinazione e le potenzialità di Edugo. – Racconta Benjamin Cardarelli, Ceo di CrossFund – Per noi è fondamentale presentare ai nostri investitori solo i migliori progetti in circolazione».

Chiudi Popup
Seguici su Facebook