GIU\’ LA TESTA, ECCO FOGGIA SOTTERRANEA

0
Il secondo appuntamento di “Giù la Testa” prevede, sabato 19 dicembre, la giornata di studio ‘Percorsi storici sull’utilizzo e la valorizzazione degli ipogei urbani’.
L’obiettivo della giornata, ospitata nell’auditorium Santa Chiara, è quello di incamminare sul piano fattivo il proposito di tutelare, valorizzare e rendere fruibile il patrimonio ipogeico della città di Foggia, rendendo noti alla cittadinanza gli esiti o affrontando le criticità emerse durante le attività di ricognizione, networking, ricerca, produzione e sensibilizzazione svolte durante l’anno.
Al mattino, a partire dalle ore 10, dopo il saluto del sindaco di Foggia Gianni Mongelli, del presidente della Provincia Antonio Pepe, dell’assessore alla Cultura e al Decentramento del Comune di Foggia Rocco Laricchiuta e dell’assessore alla Cultura e alle Politiche Educative della Provincia di Foggia Billa Consiglio, ci sarà l’incontro con relatori provenienti da altre regioni che apporteranno esempi di buone pratiche realizzate in Italia o all’estero.
Ad aprire i lavori sarà Alfredo De Biase, della Soprintendenza dei Beni Architettonici e Paesaggistici della Puglia-sede di Foggia, con l’intervento ‘L’interesse alla tutela degli ipogei urbani’; seguiràLeonella De Santis, dell’Associazione Nazionale Comuni italiani-Anci, con ‘La rete delle città sotterranee. I comuni e le best practices: dal progetto alla valorizzazione turistica’.
Per Italia Nostra, associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale della nazione, ci sarà Massimo Bottini, principale fautore del progetto “Ipogea.Percorsi sotterranei adriatici” che relazionerà su ‘I percorsi sotterranei adriatici ed il premio europeo del paesaggio’; seguirà ‘L’esperienza del PIS 12 Normanno-Svevo-Angioino in Capitanata’ di Luigi Colapietro, dell’Associazione Ipogei.
Mario Mazzoli, direttore generale A.S.S.O. onlus, parlerà delle indagini condotte a Foggia nel pozzo della Chiesa della Misericordia in piazza Purgatorio, portate avanti per volontà dell’Università degli Studi di Foggia; mentre l’avvocato Marco Scillitani affronterà l’importante argomento relativo a ‘Il regime giuridico del sottosuolo. La destinazione degli ipogei urbani tra bene pubblico e proprietà privata’.
La mattinata si concluderà con la proiezione del documentario ‘Il Mistero di San Nilo’, Sotterranei e cunicoli dell’Abbazia di San Nilo a Grottaferrata, realizzato da A.S.S.O. – Centro Ricerche Sotterranee EGERIA e Studio Blu Production; il filmato, di gran interesse, è stato selezionato in Concorso alla XVIII Rassegna Internazionale del Cinema Archeologico di Rovereto 2008.
I lavori riprendono nel pomeriggio, a partire dalle ore 15:40, e puntano l’attenzione sugli ipogei urbani di Foggia.
Interverrà il professor Pasquale Favia, docente di Archeologia Medievale dell’Università di Foggia,
con ‘Foggia fra grotte e pantani: un’indagine archeologica’.
Seguiranno le relazioni Ipogeiurbani di Foggia dal rischio… alle opportunità’, la prima parte con l’assessore all’Urbanistica del Comune di Foggia Nicola Lo Muzio e la seconda con il rettore dell’Università degli Studi di Foggia Giuliano Volpe, i quali -sulla base delle indagini condotte nel contesto dell’Accordo di Programma Quadro ‘Difesa del suolo’ sancito tra il Comune di Foggia, l’Autorità di Bacino della Puglia e il Politecnico di Bari- argomenteranno la complementarietà tra lo studio di fattibilità per il monitoraggio e la messa in sicurezza delle aree urbane a rischio di stabilità statica-strutturale e l’analisi storica e la mappatura delle cavità ipogee presenti nel centro storico di Foggia.
Sarà Saverio Russo, direttore del Dipartimento di Scienze Umane (DISCUM) dell’Università a relazionare su ‘Gli ipogei urbani di Foggia nella storia moderna’, mentre Roberta Giuliani, docente di Archeologia dell’Architettura della stessa Università, interverrà su ‘Un approccio allo studio della tessitura muraria in contesto ipogeo’.
Infine l’architetto Michele Stasolla affronterà la tematica del recupero degli ipogei urbani tra conservazione ed innovazione.
A moderare i lavori sarà Liliana Fracasso, responsabile organizzativo della Giornata di Studio nonché direttore artistico di “Giù la testa”.
Si ricorda, inoltre, che negli ambienti sotterranei di Santa Chiara sarà visitabile la mostra multimediale –realizzata anche con il contributo di Alessandra De Stefano, ricercatrice del Dipartimento di Scienze Umane che ha collaborato con le ricerche documentarie- che rimarrà aperta fino a sabato 9 gennaio, tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 16:30 alle 20, eccetto la domenica. Giovedì 24 dicembre sarà aperta solo al mattino dalle 10 alle 13. Durante i giorni 25, 26, 31 dicembre e 1, 2, 6 gennaio rimarrà chiusa.
Per ulteriori informazioni visitare il sito www.foggiasotterranea.it.

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook