TBIZ 2011, UN APPUNTAMENTO SUL SUD E PER IL SUD

0

TBIZ è un appuntamento sul Sud e per il Sud

Con settanta key note speakers distribuiti su più di quaranta eventi e con ampia convergenza diinteressi e personalità di rilievo dell’industria, dell’economia, dell’università, della politica, delleassociazioni, TBIZ si presenta al pubblico come l’unico grande concentratore di persone, idee econtenuti del Sud Italia che vuole fare innovazione.

La terza edizione dell’iniziativa dedicata all’Innovazione del Sud si terrà al Bagnoli HUB di Napoli iprossimi martedì 8 e mercoledì 9 novembre, TBIZ sostiene la cultura dell’innovazione ritenendolauna premessa indispensabile ai cambiamenti socioeconomici che sta affrontando il Mezzogiorno,TechnologyBIZ vuole inoltre proporre risposte autorevoli alla crescente domanda di innovazioneattraverso l’informatizzazione complessa che arriva dalle aziende private e pubbliche del Sud Italia.

Tra gli ospiti segnaliamo:
Stefano Caldoro, presidente della Regione Campania. Luigi de Magistris, sindaco di Napoli.Douglas C. Hengel, Ambasciata Stati Uniti. Paolo Scudieri, SRM Studi e Ricerche per ilMezzogiorno, presidente. Giuseppe Zollo, Campania Innovazione, presidente.Guido Trombetti, Regione Campania, Assessore Università, Ricerca, Informatica. SergioVetrella, Regione Campania, Assessore Trasporti e Attività produttive. Paolo Russo, Camera deiDeputati, presidente della Commissione Agricoltura. Marco Esposito, Comune di Napoli,assessore Sviluppo. Alberto Lucarelli, Comune di Napoli, Assessore Democrazia partecipativa.Giorgio Ventre, Università Federico II, Professore Dip. Informatica e Sistemistica. Massimo DeSanto, Università di Salerno, direttore Centro ICT di Ateneo. Massimo Deandreis, SRM Studi eRicerche per il Mezzogiorno, direttore generale. Elisabetta Zuanelli, Università Tor Vergata,presidente Centro E-Content. Renato Rocco, ISCOMP Istituto Nazionale Comunicazione Pubblica,presidente. Ciro Verdoliva, Ospedale Cardarelli, chief technology officer. Sergio Crispino, AIOPCampania, presidente. Pier Paolo Polizzi, ASPAT Campania, presidente. Fulvio Di Trapani, ASLNapoli 1, direttore Sistemi Informativi. Amedeo Manzo, Banca di Credito Cooperativo Napoli,presidente.

Tra gli eventi segnaliamo:
Dall’industria Pesante all’industria Pensante. Centocinquanta anni di Unità d’Italia: è il momento diinnovare anche la Questione Meridionale. Una forte nuova industria della conoscenza può portare ilSud ai livelli che gli competono.
Infrastrutture: un’autostrada verso il futuro del Sud. I Paesi leader in Europa sono quelli che hannoinvestito nella dotazione di infrastrutture fisiche: reti efficienti di telecomunicazioni, trasporti,energia.
Una squadra per Napoli. Fare di Napoli la sede per la programmazione industriale e perl’innovazione del Mezzogiorno. Questa è la vision della Giunta Comunale di Napoli nel campodelle attività produttive. Condividere una tale vision è facile, ma per realizzarla c’è bisogno di giocodi squadra. Politica, Banca ed Industria dialogano con la Community di TechnologyBIZ.
CIO-Etica. Il Sud deve essere un Paese per giovani. Nel Mezzogiorno il 45% di chi va via ha laureao diploma. Cosa possono fare i singoli, impegnati in ruoli di responsabilità, per ispirare le nuovegenerazioni e dare loro un aiuto concreto? Il contributo dei CIO Chief Information Officer, iresponsabili della funzione aziendale ICT.

Diritto all’oblio su Internet, quando il motore di ricerca diventa giudice. Estendere ad Internet ildiritto ad essere dimenticati: tutti devono avere la possibilità di mettere il passato alle spalle ma c’èil rischio che si limiti la libertà di Internet.
Piantiamola con l’ICT! L’informatica e l’agroalimentare. La produzione agroalimentare non può piùfare a meno dell’ICT, tuttavia le software house del Sud non sembrano pronte a rispondere a questadomanda. Quali sono le reali prospettive di sviluppo?
ePartecipation, una nuova società a portata di mano. Informazione e partecipazione ai processidecisionali sono strumenti di costruzione della fiducia tra Amministrazione e Cittadini per unrapporto che deve diventare finalmente collaborativo. Il caso Napoli: la strada per una nuova cittàpassa anche attraverso i Social Network?

Una navicella per il Mediterraneo: imprese in rete per l’export. La rotta del Mediterraneo è ormaiuna via concreta per il rilancio dell’economia del Mezzogiorno. Lo strumento della Rete d’Imprese èla navicella ideale per questo percorso. Ne parliamo con gli esperti.
ICT in Sanità: è il momento di recuperare il terreno perduto. La spesa ICT per la Sanità in Italia,oltre ad essere ancora bassa rispetto alla media UE, è anche ripartita iniquamente: la spesa ICTprocapite infatti è di circa 21 euro al Nord e di soli 9 euro per abitante nel Sud. Non è un caso.

BeSocial, quando l’Azienda scopre il social network. Facebook, Viadeo, YouTube, Twitter,Linkedin, H2biz ed altri ancora sono i servizi con cui è possibile presentare la propria realtà e ipropri prodotti, in un modo nuovo ed informale. Ne parlano gli esperti.
La Città Intelligente. Quando è necessaria un’attenzione particolare all’uso delle risorse, è forte latentazione di pensare che l’innovazione rappresenti un lusso. Noi pensiamo che proprio nei tempi dicrisi sia necessaria una visione coraggiosa del futuro ed una decisa svolta verso l’innovazionetecnologica ed organizzativa.

E’ possibile scaricare l’invito all’indirizzo: http://tbiz.it/invito2011 e consultare l’agenda al link http://tbiz.it/agendaeventi2011

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook