GAL SERRE SALENTINE, LE DICHIARAZIONI DEL PRESIDENTE

0

Dopo la fase di promozione e di informazione, il Gal Serre Salentine entra nel vivo della fase operativa su tutto il territorio dei quattordici comuni che lo compongono ( Alezio, Alliste, Casarano, Collepasso, Galatone, Gallipoli, Matino, Melissano, Neviano, Parabita, Racale, Sannicola, Taviano e Tuglie). Con il provvedimento di concessione di finanziamento alle prime sei aziende agricole (per un totale di 442.000 €) per migliorare la qualità dell’ospitalità agrituristica, si vuole raggiungere l’obiettivo di incrementare le fonti di reddito e l’occupazione  della famiglia agricola, favorendo l’ingresso dei giovani e delle donne nel mercato del lavoro, stimolandone la permanenza nelle aree rurali.

Grande soddisfazione espressa dal Presidente, Salvatore D’Argento: “Con l’assegnazione del contributo alle prime aziende agricole si concretizza così il ruolo del Gal Serre Salentine come “Agenzia di Sviluppo Locale” attenta ed efficiente nel territorio dei quattordici comuni. Sono i primi risultati del lavoro sinergico tra il Consiglio di Amministrazione e lo Staff Tecnico del Gal. Ora si aspetta il completamento dell’iter amministrativo dell’Azione 5 – “Creazione di strutture di piccola ricettività turistica” (Albergo Diffuso), dove c’è grande attesa sia da parte nostra che da parte dei beneficiari (imprenditori singoli e associati), per le ingenti risorse impegnate nel soddisfare le numerosissime richieste di finanziamento pervenute alla scadenza del bando (in totale sono stati previsti 2.100.000 €). La realizzazione di tali interventi è importante per la crescita del settore turistico, visto che il Salento anche quest’anno ha confermato un trend positivo in termini di presenze nazionali ed internazionali. Ora il nostro l’impegno è concentrato sull’informazione, sensibilizzazione e promozione partecipata per gli interventi di competenza degli enti locali. Infatti, il 28 settembre si è tenuto un incontro con le Amministrazioni Comunali per informare in modo diretto sulle nuove opportunità, nel tentativo di armonizzare la partecipazione e la condivisione di interventi di natura integrata, pur rimanendo il vincolo obbligatorio della partecipazione ai bandi per l’Azione 1 (Creazione di Itinerari) e Azione 2 (Creazione di centri di informazione ed accoglienza turistica). In merito all’Azione 1 , si andranno a creare punti di esposizione e vendita dei prodotti agro-alimentari ed artigianali. Inoltre, l’azione sosterrà la creazione di itinerari naturalistici, enogastronomici (strade del gusto e delle tradizioni, strada del turismo equestre, strada della cultura, cicloturismo). Con l’Azione 2, invece, si andrà ad organizzare l’allestimento di centri di informazioni e accoglienza turistica , centri di esposizione che avranno il compito di presentare nella sua completezza l’offerta di turismo e di produzioni delle Serre Salentine. La Misura 3.2.3, ovvero “Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale”, mira a valorizzare il patrimonio archeologico, architettonico, storico-artistico e il paesaggio delle Serre Salentine al fine di incrementare l’attrattività turistica e migliorare la qualità della vita della popolazione. Queste strutture saranno adibite a piccoli musei, archivi, location per mostre, esposizioni, teatri, centri di documentazione e centri espositivi per la promozione di iniziative culturali. L’aiuto concesso per gli investimenti riguarderà il restauro, la manutenzione straordinaria, il risanamento conservativo delle strutture, l’allestimento di musei, esposizioni di collezioni storiche ed artistiche, l’allestimento di spazi teatrali e per manifestazioni culturali e acquisto delle relative attrezzature. Valutando anche tutti i vincoli esistenti e di quelli richiesti si è convenuto di nominare un tavolo tecnico tra gli uffici urbanistici, assetto del territorio e dei lavori pubblici degli enti e dello staff tecnico del Gal, per elaborare proposte preventive da inviare alla Regione Puglia prima della pubblicazione dei bandi o/e provvedimenti amministrativi di competenza degli enti locali per utilizzare al meglio le risorse  a disposizione”.

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook