LA STRATEGIA DI ZALESKI

0
E’ francese come Platini (ma nato a Parigi) con sangue polacco come Boniek. Si direbbe amico dei Moschettieri d’oltralpe (Bernheim, Bolloré, Ben Ammar) protagonisti delle vicende finanziarie italiane, ma il suo sodalizio con Giovanni Bazoli e con Intesa è di lunga data e piuttosto solido. Tanto da essere diventato, da tempo, il primo socio privato di Intesa Sanpaolo con il 5,9%.
 
L’impero di Romain Zaleski, la Carlo Tassara spa, può esibire un ventaglio di partecipazioni di tutto rispetto: da Mittel a Telecom, da Generali a Fonsai, da Edison a Asm Brescia, fino ad Ubi, Monte dei Paschi di Siena e Mediobanca, che da oggi pesa ben oltre il limite canonico del 2%.
 
Una presenza destinata a far sentire la propria influenza sugli equilibri tra Unicredit-Capitalia e la stessa Intesa Sanpaolo, attraverso il consolidamento di un intreccio che passa inevitabilmente per Mediobanca-Generali. E che a scanso di equivoci ha già raccolto il benvenuto sibillino del presidente del Consiglio di sorveglianza di Piazzetta Cuccia, Cesare Geronzi: “Siamo contenti che un investitore amico abbia deciso di investire nella banca”.
 
Una scelta che contribuirà non poco a definire che piega dovrà prendere l’azione comune di Geronzi e Bazoli, impegnati a trovare la via d’uscita allo stallo della governance di Telecom, che al momento vede l’arrocco non dichiarato sui nomi di Franco Bernabè, come ad e di Gabriele Galateri di Genola alla presidenza.
 
La strategia di Zaleski si avvia a diventare complemento di forza del disegno strategico di Giovanni Bazoli, che già prima dell’annuncio del matrimonio dell’anno, tra Unicredit e Capitalia, aveva avviato le grandi manovre, per fronteggiare il posizionamento dello schieramento antagonista. Gli arrivi in Mediobanca della Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna, dell’immobiliare Zunino e del fondo-locusta Amber, sono speculari a quelli attesi di Fininvest, Mediolanum, Benetton e Popolare Vicenza.
 
La partita, che per fortuna si giocherà lontano dalle turbolenze dei campi di calcio, si preannuncia estremamente tattica. E Cesare Geronzi, sin da quando la Roma acquistò Boniek dalla Juventus, sa bene quanto convenga avere sempre un polacco in squadra.
 
di Antonio V. Gelormini

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook