LA GEOTERMIA NUOVA FRONTIERA DELL’ENERGIA, LE PROPOSTE DEL GARGANO A MEDITERRE

0

La geotermia come nuova frontiera dell’energia, la destagionalizzazione turistica, la necessità di far vivere l’Area Protetta 365 giorni l’anno e l’importanza economica, culturale e salutistica dei prodotti dell’enogastronomia locale. Sono stati proprio i tempi scelti come approfondimento dal Parco Nazionale del Gargano i cardini della conferenza stampa di presentazione di ‘Mediterre’, svoltasi ieri mattina presso la Sala Giunta della Regione Puglia alla presenza del Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, dell’assessore alla Qualità dell’Ambiente Lorenzo Nicastro, dell’assessore alla Qualità del Territorio Angela Barbanente, del Commissario del Parco Nazionale del Gargano Stefano Pecorella, del Segretario Generale della Fiera del Levante Leonardo Volpicella,  del direttore del Parco dell’Alta Murgia Fabio Modesti e dell’Assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Bari Fabio Losito.

La nuova edizione di Mediterre , che dal 29 gennaio al 5 febbraio 2012 celebrerà a Bari la sua VII edizione, sarà in concomitanza con la Terza Sessione plenaria di ARLEM (Assemblea Euromediterranea degli enti locali e regionali), che si svolgerà nella città dì Bari il 29 ed il 30 gennaio 2012, al fine di sviluppare, in un unico ambito, un grande evento di valenza internazionale di definizione ed attuazione delle politiche ambientali per lo sviluppo sostenibile.

Il claim 2012 è  ‘MEDITERRE — GREEN BROTHER’. A vent’anni dalla Conferenza di Rio’,

che ha l’obiettivo di coniugare il tema dell’Ambientecon quello della ‘Fratellanza’, che farà da trait d’union rispetto a tutta la progettazione, dall’individuazione dei temi oggetto di approfondimento nei convegni e workshop alle attività collaterali.

Ma, nei mesi di dicembre e gennaio sarà proprio il territorio del Parco Nazionale ad ospitare il lancio del gran galà ‘Aspettando Mediterre’, che si pone l’obiettivo di generare attesa ed attenzione con riferimento all’evento Mediterre, attraverso un coacervo di iniziative orientate a sperimentare modelli di governance delle aree protette basati sui princìpi della gestione sostenibile integrata (dalla gestione dell’energia, all’agricoltura biologica, alla fruizione sostenibile, etc),  della destagionalizzazione e della valorizzazione dei prodotti tipici. Volano di queste tematiche saranno i convegni, gli eventi, gli appuntamenti di educazione ambientale e le escursioni alla scoperta del territorio.

Le tematiche di approfondimento scelte dal Parco del Gargano sono state molto apprezzate dai presenti al tavolo della conferenza stampa, in particolar modo dal Presidente Vendola che in più occasioni le ha utilizzate per estrinsecare il significato autentico e gli obiettivi concreti di Mediterre.

“Con l’arrivo di Mediterre nei Parchi la manifestazione e soprattutto il territorio pugliese fanno un salto di qualità e raggiungono un elevato livello di maturità – ha dichiarato Pecorella -. Aspettando Mediterre è un successo straordinario che valorizza l’economia e la cultura locale, nonché il lavoro istituzionale svolto a quattro mani dai Parchi del Gargano e dell’Alta Murgia, dalla Regione Puglia e da Federparchi. Se penso a questo risultato raggiunto mi viene in mente un’immagine magnificamente narrata da Paulo Coelho: il seme di bambù va curato con amore e sacrificio per  5 anni senza risultati evidenti, ma, negli anni successivi, il germoglio esplode in tutta la sua vitalità e la pianta cresce sino a 25 metri”. Le idee e le proposte del Commissario hanno trovato riscontro nelle dichiarazioni di Vendola, Barbanente e Nicastro. “Sono d’accordo con gli esponenti della Giunta regionale quando sostengono che Mediterre rappresenta l’occasione per affermare i Parchi come nuovi modelli di sviluppo attraverso i quali indicare pratiche possibili di sviluppo sostenibile con un forte coinvolgimento delle comunità – ha evidenziato Pecorella-. Grazie a Mediterre la conservazione della natura, la promozione dei prodotti locali e la destagionalizzazione avranno nuova linfa e su queste tematiche si potranno intavolare discussioni di approfondimento per iniziare una nuova stagione di programmazione. Questa manifestazione metterà a confronto tante esperienze diverse grazie dalle quali potremo allo stesso tempo imparare ed insegnare. Sono perfettamente d’accordo con Vendola – ha concluso – quando sostiene che per i Parchi bisogna trovare una sintesi perfetta tra i concetti di mero mercato e di non musealizzazione”.

Al termine della conferenza stampa il Commissario Pecorella ha fatto dono al Presidente Vendola e ai due Assessori Barbanente e Nicastro dell’ultima pubblicazione dell’Ente “Il Gargano del Beltramelli”, un’autentica ricerca ed un suggestivo racconto (con foto) fatti all’inizio del secolo scorso dal noto scrittore romagnolo. Opera elegante e pregna di significato culturale che non ha lasciato indifferenti gli esponenti regionali – i quali hanno calorosamente ringraziato per il ‘prezioso’ omaggio – e che rappresenta un ottimo viatico per l’avventura di ‘Aspettando Mediterre’ appena partita.

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook