MONDIALI DI BASKET 2014, L\’ITALIA SI CANDIDA

0
Un incontro storico per il basket italiano: il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha ricevuto a Palazzo Chigi Bob Elphinston, Presidente della FIBA (Federazione internazionale di basket), e Patrick Baumann, Segretario Generale della FIBA e membro del CIO, confermando il forte sostegno del Governo, sia in termini di infrastrutture che di organizzazione, alla candidatura dell\’Italia quale Paese ospitante del Campionato mondiale di pallacanestro maschile del 2014. Presenti all\’incontro anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta e quello allo sport Rocco Crimi, il presidente del Coni Giovanni Petrucci, il vicepresidente esecutivo del Comitato Promotore Italia 2014, Massimo Cilli, e il commissario straordinario della FIP (Federazione italiana pallacanestro), Dino Meneghin. A testimoniare maggiormente il legame con il governo, il sottosegretario Letta ha accettato la carica di presidente del Comitato d\’onore del Comitato organizzatore Italia 2014. La delegazione FIBA – che in mattinata ha anche incontrato il Sindaco Gianni Alemanno, il quale ha proposto Roma quale sede della finale – si è detta particolarmente colpita dall\’alto livello di sostegno dato all\’iniziativa da parte del Presidente del Consiglio, dei responsabili dello sport in ambito governativo, del Coni e del Sindaco di Roma. Il sottosegretario Crimi ha annunciato l\’istituzione, presso la Presidenza del Consiglio, di una Commissione che, insieme al Coni, valuterà e pianificherà l\’impiantistica di vertice della capitale. Sono sette, oltre Roma, le città attualmente disponibili ad ospitare i gironi di qualificazioni e fornite di impianti adeguati: Siena, Bologna, Pesaro, Torino, Reggio Calabria, Milano e Trieste, mentre altre città, quali Firenze, Venezia e Napoli, potrebbero ospitare eventi collaterali significativi. Sarà quindi un coinvolgimento totale dell\’intero Paese, in cui ogni città avrà uno spazio dedicato.
da Governo.it

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook