eCommerce e fashion: fatturato + 16%

0

Cresce il comparto fashion nell’ambito degli acquisti eCommerce: +16% rispetto allo scorso anno, 3.3 miliardi di euro il fatturato complessivo, secondo solo a informatica ed elettronica (+18% per 5 miliardi).

L’incremento è degno di nota, nonostante solo il 44% degli italiani acquisti online contro la media europea del 68%.

I nostri connazionali hanno però una predilezione per moda e design: negli ultimi 12 mesi il 54% dei clienti online ha comprato abbigliamento o accessori, oppure mobili o complementi d’arredo. È la percentuale più elevata fra gli atti d’acquisto dei vari settori ed è un primato degli italiani.

Il 76% di chi compra fashion (considerando quindi anche il retailing fisico) ricerca preventivamente informazioni online e il 73% confronta le differenti opzioni d’acquisto: in quest’ottica i punti vendita diventano un touchpoint primario, configurandosi come vetrine flagship e centri-servizio per quanto attiene ai monomarca. I multimarca mostrano dinamiche diverse, senza sostanziali differenze tra offline e online, all’insegna della totale multicanalità.

In questo scenario si collocano le nuove collaborazioni tra Qapla(www.qapla.it), sistema integrato che permette di gestire le spedizioni dalla stampa dell’etichetta fino alla notifica di consegna, con Sublime – Easy Shoes (https://sublimeshop.it/), lo store eCommerce di calzature, e con R.a. Boutique (https://raboutique.com/), store di abbigliamento, scarpe e accessori femminili.

Cerchiamo di “distruggere” quelle barriere che, almeno nel nostro settore, danno vantaggio all’acquisto offline – afferma Damiano Battista, CEO di Sublime – Easy Shoes. Per fare un esempio, dopo pochi mesi di apertura, ci siamo resi conto che uno dei problemi più grandi era la scelta del numero corretto. Abbiamo così deciso di inserire un servizio di cambio numero totalmente gratuito e, devo dire, i clienti si sentono molto più tranquilli nel fare un acquisto sapendo che hanno la possibilità di cambiare numero spendendo zero. Qapla’ è stata una rivoluzione. Poter gestire centinaia di spedizioni in pochi click non ha prezzo, o meglio, ha un prezzo irrisorio rispetto al vantaggio apportato.

Continua Rosa Annese, titolare di R.a. Boutique: sicuramente uno dei motivi più validi che spinge il cliente ad acquistare online sono le foto dettagliate di ogni singolo prodotto a cui dedichiamo molto tempo al giorno. Tra azienda e cliente, inoltre, si instaura un rapporto di fiducia che permette di superare la barriera del “non poter provare i capi” e, per questo, ricopriamo il ruolo di “personal shopper” a cui affidarsi pienamente. Oserei dire che Qapla’ è stata la nostra svolta. Permette di generare in pochi click tantissime spedizioni facendoci risparmiare ore di lavoro. Il valore aggiunto, inoltre, è controllare in tempo reale, su richiesta del cliente e nel giro di pochi secondi, ogni singola spedizione e minimizzare così gli errori.

“Tra le prime priorità di chi acquista abbigliamento online vi è, senz’altro, un canale di comunicazione diretto ed efficace con il venditore, per eventuali segnalazioni sul capo  acquistato o sulla consegna – conclude Roberto Fumarola, CEO & Founder di Qapla’Grazie al nostro strumento i merchant possono agilmente gestire questo flusso di richieste,  trasmettendo i valori del proprio brand e il proprio stile in ogni interazione col cliente

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook