Oggi gli studenti tornano in piazza con lo sciopero sociale

0

scioperostudentiGli studenti tornano in piazza contro le politiche del governo in occasione dello Sciopero Sociale. Una giornata di protesta lunga 24 ore che vedrà coinvolti studenti, giovani e precari e che troverà continuità nella prossima settimana, il 21 novembre, con lo sciopero generale della FIOM per il centro-sud. Questo guardando allo sciopero generale come un momento che deve essere necessariamente di rilancio per tutti quanti rivendicano un’inversione radicale di tendenza rispetto all’esistente.

Le scuole in mobilitazione ritornano a prendere parola il giorno prima della fine della consultazione-farsa del governo sulla Buona Scuola. Non siamo disposti ad accettare che il governo spacci per democratici e giusti provvedimenti che azzerano l’autonomia delle scuole pubbliche, finanziano ulteriormente le private, incentivano gli stage-sfruttamento, allenando semplicemente tutte e tutti alla precarietà. Porteremo sui nostri volti delle maschere bianche per simboleggiare la condizione di invisibilità e ricatto che i precari vivono ogni giorno.

Scenderemo in piazza per dire che il nostro futuro non è uno slogan: non accettiamo strumentalizzazioni da Renzi e dal governo. Stanno distruggendo il diritto allo studio e precarizzando ulteriormente il mondo del lavoro. Non permetteremo che vengano utilizzati retoricamente i giovani per legittimarsi agli occhi del Paese.  Le proteste di studenti, giovani e precari si incroceranno con quelle dei lavoratori proprio perché rifiutiamo lo scambio inesistente contenuto nel Jobs Act: non è togliendo i diritti ai cosiddetti “garantiti” che si risolve il dramma della precarietà, della disoccupazione giovanile, dell’espulsione da scuole e università.

La soluzione per uscire dalla crisi con più diritti e meno precarietà per tutti è semplice: lavoro di qualità, reddito di base e diritto alla conoscenza. I provvedimenti del Governo vanno in direzione contraria, e la Legge di Stabilità ne è l’esempio emblematico. Lo abbiamo detto chiaramente in questi mesi e lo ribadiremo il 14 novembre in tutte le piazze pugliesi.

UNIONE DEGLI STUDENTI PUGLIA

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook