Ingegnere 4.0, come cambia la professione

0

CATANIA – Stare al passo con i tempi e rivoluzionare abitudini e modus operandi. Il 2020 sarà di certo ricordato come l’anno del Covid-19. Il virus e la pandemia hanno infatti rimodulato radicalmente stili di vita, nella quotidianità e soprattutto nell’ambito professionale. Molti hanno riconsiderato gli spazi degli uffici dopo il lockdown, altri hanno potenziato lo smartworking: dall’imprenditore al dipendente, passando per il libero professionista, tutti sono stati chiamati al cambiamento. «Anche la figura dell’ingegnere si è dovuta reinventare e ha fatto i conti con il Coronavirus, aggiornandosi sulle nuove misure di sicurezza, lavorando a distanza e prendendo nota di tutte le iniziative e i decreti governativi emanati sul fronte dell’edilizia», commenta il presidente della Fondazione degli Ingegneri di Catania Mauro Scaccianoce, l’Ente preposto alla formazione della categoria.

«Inutile dire – spiega – che la pandemia ha colto tutti di sorpresa: i cambiamenti hanno portato la nostra categoria ad adeguarsi a una realtà diversa: lavorativa, privata, urbana, ambientale e sanitaria. Come Fondazione non potevamo esimerci dall’affrontare il problema e metterci in prima linea. I mezzi migliori per il cambiamento sono stati il confronto, la capacità di trovare soluzioni e ovviamente la formazione e l’aggiornamento». Tra le novità ci sono stati i molteplici provvedimenti e strumenti operativi messi a disposizione dal Governo, tra i quali il recente Superbonus. Ammodernare gli edifici e puntare sull’efficientamento energetico sono aspetti fondamentali per fronteggiare la crisi, cambiare le proprie abitudini e avere un futuro più sostenibile: «L’Ecosismabonus – prosegue Scaccianoce – rappresenta una vera rivoluzione nel settore dell’edilizia. Può fare da volano per il rilancio dell’economia e offrire nuove opportunità di lavoro per i professionisti. Bisogna saper cogliere questa opportunità, dove ognuno deve giocare il proprio ruolo, dai professionisti alle banche».

Aspetti analizzati durante gli oltre trenta corsi e seminari organizzati dalla Fondazione a partire da marzo – con la partecipazione di oltre 4mila iscritti all’Ordine etneo – che hanno trattato anche altre fondamentali tematiche: dalle agevolazioni fiscali, alla salute sul lavoro, all’ambiente: «Durante gli incontri – continua Scaccianoce – abbiamo ritagliato uno spazio al “nuovo” ingegnere e al suo ruolo determinante della sicurezza nelle aziende e nei cantieri. Quindi, abbiamo approfondito le disposizioni ministeriale e le nuove misure di prevenzione, senza tralasciare le operazioni di sanificazione».

Tra il 2020 e il 2025 il 50% dei profili professionali non saranno quelli di oggi, e la loro evoluzione dipenderà da come lo sviluppo delle tecnologie cambierà il mondo del lavoro: «L’ingegnere 4.0 è un upgrade di quello che è stato fino a oggi. Una figura che sta al passo con i tempi, integrando, migliorando e modificando le proprie competenze in base al progresso e in base alle esigenze sociali e culturali. L’ingegnere ha ricoperto un ruolo fondamentale nella società e deve continuare a farlo. E noi saremo sempre presenti per condividere e migliorare la qualità della nostra professione attraverso il continuo aggiornamento».

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook