A Wall Street, stasera, si terranno i pitch di 14 startup italiane a UsaCamp

0

usacampL’innovazione italiana è protagonista stasera a Wall Street nell’evento  UsaCamp di ItaliaCamp: per la prima volta una delegazione di startupper italiani avrà la possibilità di presentare la propria idea davanti a venture capital e investitori americani.
Ma una startup italiana ha già conquistato gli USA e stasera la sua storia verrà presentata nel corso dell’evento: Decisyon, un tempo startup di Latina ora diventata un’azienda globale specializzata in Collaborative Business Intelligence e Performance Management e attiva in undici paesi.

Incubata in Silicon Valley,  Decisyon ha ottenuto nel novembre 2012  il più grande finanziamento ricevuto da un’azienda italiana dagli USA negli ultimi 10 anni, ben 20 milioni di $, grazie allo sviluppo di un’innovativa soluzione nel settore dei Big Data: la prima piattaforma di business intelligence e di gestione delle performance dei processi aziendali che unisce senza soluzione di continuità social collaboration, analytics, pianificazione ed esecuzione tra i reparti aziendali e tra diversi sistemi gestionali.

La vittoria  di questo round ha permesso a Decisyon di espandere le proprie attività raggiungendo una base di 200 clienti in 11 paesi, e di entrare ufficialmente nel mercato americano, nel gennaio 2014, con una struttura commerciale ad hoc.

Agli 80 dipendenti e consulenti presso l’HQ di Latina, si sono aggiunte, nel corso del 2013, 20 risorse presso la sede di Stamford suddivisi tra marketing, direct sales, pre-sales e partners sales; la struttura si rafforzerà ulteriormente nel 2014: entro fine anno è prevista una crescita del personale pari al 50%.

Cosimo Palmisano, VP di Decisyon founder di ECCE/Customer (ribattezzata Decisyon/Engage negli USA) è già stato premiato dalla Italia Camp Foundation nel 2011 e ripercorrerà alle ore 18.00 di oggi, ora di New York, all’interno dell’evento coordinato da Riccardo Luna, tutte le tappe della storia di Decisyon con l’obiettivo di incentivare gli startupper a perseverare nel mercato americano e di comunicare agli investitori le opportunità offerte dall’ecosistema italiano delle startup.

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook