Mercato stabile per l’auto negli USA

0

bisarca-usaIl mercato automobilistico statunitense a febbraio 2014 ha registrato la vendita effettiva di 1.193.872 unità rispetto alle 1.194.165 unità di febbraio 2013 totalizzando una situazione stabile rispetto al 2013. Nello specifico sono state immatricolate 581.991 vetture ( – 5,3 %) e 611.881 Light Truck ( + 5,6 %).  A febbraio 2014 le vendite di Fiat Chrysler Automobiles hanno registrato un + 11,4 %, rispetto al – 1 % della GM , al – 6,1  % della Ford Motor Company e al – 4,3 % della Toyota.

I costruttori presenti sul mercato a stelle e strisce hanno registrato questi numeri  : GM con 221.104 unità ( – 1%), Ford Motor Company con 183.349 unità ( – 6,1%), Toyota Motor USA con 159.284 ( – 4,3%), Fiat Chrysler Automobiles con 154.866 unità ( + 11,4%), Tesla con 1.600 unità ( + 3,1%), Honda con 100.405 unità ( – 7%), Nissan North America con 115.360 unità ( + 15,8%), Volkswagen Group con 38.213 unità ( – 10,2%), Mitsubishi con 5.977 unità ( -1,2%), Mazda con 24.341 unità ( – 2.4%), Hyundai con 49.003 ( – 6,3%), Bmw Group con 24.537 unità ( – 4,3%), Daimler Group con 24.971 unità ( +3,8%), Volvo con 3.991 unità ( – 18%), Subaru con 34.909 unità ( + 24%), Kia con 41.218 unità ( – 0,7%), Jaguar Land Rover con 5.558 unità ( + 10%), Porsche con 3.232 unità ( + 15,2%), Ferrari con 117 unità ( + 4,5%), e Macerati con 837 unità ( + 426,4%).

Ecco la classifica dei primi cinque costruttori in termini quantitativi presenti negli USA a febbraio 2014: GM con 222.104 unità, Ford Motor Company con 183.349 unità, Toyota Motor USA con 159.284 unità, Fiat Chrysler Automobiles con 154.886 e Nissan North America con 115.3960. E’ molto vicino il sorpasso da parte di FCA ai danni della Toyota, questo mese lo scarto è di 4.398 unità. Seguiamo con attenzione questo dato anche nei prossimi mesi.

Nella classifica USA dei primi venti modelli più venduti a  febbraio 2014 troviamo: Ford F – Series PU con 55.882 unità ( + 2,6%), Chevrolet Silverado Pick-Up con 36.584 unità ( – 12,1%), Nissan Altima con 30.849 unità ( + 11,3%), Dodge Ram Pick-up con 29.303 unità, (+ 25,8%), Toyota Camry con 28.998 unità ( – 7,3%), Toyota Corolla/Matrix con 25.299 unità ( + 1,2%), Ford Fusion con 23.898 unità ( – 14,3%), Honda Accord con 23.712 unità ( – 15,3%), Ford Escape con 23.145 unità ( – 4%), Chevrolet Cruze con 21.836 unità ( + 21,7%), Chevrolet Equinox con 21.587 unità ( + 4,5%), Honda Civic con 21.575 unità ( – 5%), Honda CR-V con 20.759 unità ( + 0,4%), Chevrolet Malibu con 17.448 unità ( +17,8%), Nissan Rogue con 17.197 unità ( + 72,6%), Toyota Rav4 con 16.451 unità ( + 23,4%), Hyundai Elantra con 16.393 unità ( + 1,1%), Ford Focus con 15.926 unità ( – 23,5%), GMC Sierra Pick-Up con 14.232 unità ( + 0,7%) e Ford Explorer con 13.924 unità ( – 19,9%).

Tra i singoli luxury brand presenti negli States ecco i numeri dei costruttori con le rispettive unità a febbraio 2014: Jeep con 45.946 unità, Chrysler con 25.230 unità, Mercedes-Benz con 24.030 unità, Bmw con 22.017 unità, Buick con 19.192 unità, Lexus con 18.855 unità, Cadillac con 13.437 unità, Acura con 11.545 unità, Audi con 10.881 unità, Infiniti con 9.729 unità, Lincoln con 6.661 unità, Jaguar Land Rover con 5.558 unità e Volvo con 3.991 unità.

Non poteva mancare infine il focus mensile di comparazione sulla Fiat 500 e sulle sue rivali. Con le sue 3.465 unità ( di cui 2.664  Fiat 500 e 801 Fiat 500L) la piccola torinese ha fatto segnare un incremento del 4,9 per cento rispetto a febbraio 2013; la famiglia 500 negli USA viene offerta in versione normale, cabriolet, Abarth, 500L e la elettrica 500e. La storica rivale anglo-tedesca MINI ha venduto invece 2.459 unità ( – 42,8 %) ed è offerta con queste versioni: hardtop, coupè, convertible, roadster, ClubMan, PaceMan, CountryMan e John Cooper Works. Infine la concorrente Smart ha venduto 941 unità ( + 20,2 %).  Chiudiamo la comparazione con la Toyota Yaris che ha totalizzato 1.334 unità ( – 34,5 %) e con la Ford Fiesta a quota 4.844 unità ( – 3,4 %).

di Michele Antonucci

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook