American Airlines rende noti i risultati del primo trimestre

0
  • Il primo trimestre 2017 ha registrato un profitto di 365 milioni di dollari a monte delle tasse, o 491 milioni esclusi oneri speciali netti e un profitto netto di 234 milioni di dollari, o 308 milioni esclusi oneri speciali netti
  • Il primo trimestre 2017 ha registrato un guadagno di 0,46 dollari per azione diluita, o 0,61 dollari esclusi oneri speciali netti
  • Spostata dal 2018 al 2020 la consegna del primo Airbus A350 XWB rimandando spese più importanti e aggiungendo flessibilità alla capacità dei widebody
  • Annunciata una decisione senza precedenti di aumentare la remunerazione oraria base per gli equipaggi della compagnia fuori dalle negoziazioni contrattuali, portando così il livello base di quei gruppi di lavoratori al massimo del settore, allineati con gli altri gruppi di lavoratori di American Airlines

americanairlinesCuban flag“Siamo entusiasti delle prospettive a lungo termine di American Airlines e i risultati del primo trimestre non fanno altro che rafforzare il nostro entusiasmo. Abbiamo lanciato varie iniziative commerciali importanti quali la Basic Economy e la Premium Economy, studiate per dare ulteriori possibilità di scelta ai nostri passeggeri. Abbiamo ampliato la nostra presenza a livello globale tramite un investimento programmato nella China Southern Airlines. Abbiamo continuato a fare investimenti significativi sul nostro prodotto, inclusa la consegna di 22 nuovi aeromobili che aumentano il nostro già significativo vantaggio sui nostri più grandi concorrenti in merito all’età media della flotta” ha commentato Doug Parker, Chairman e CEO della compagnia.

“Tuttavia questi investimenti non sono sufficienti a fidelizzare il cliente se non si investe anche sul team. In quanto fornitori di servizi, è proprio il nostro team che ci differenzia dagli altri. Abbiamo recentemente ribadito un impegno che avevamo preso all’epoca della fusione delle due compagnie, più di tre anni fa: il nostro team sarebbe stato pagato tanto quanto i loro pari nel settore. Questo impegno sarà realizzato con l’aumento della remunerazione di assistenti di volo e piloti fuori dalle negoziazioni contrattuali.

In questo primo trimestre il nostro team ha svolto un lavoro fantastico nell’assistenza ai passeggeri, dimostrato dalla crescente affidabilità dei nostri operativi e dal miglioramento della gestione dei bagagli e della puntualità. Questo impegno è stato riconosciuto con l’assegnazione del premio “Air Transport World’s Airline of the Year for 2017” e “Full Service Airline Brand of the Year” di Harris Poll.

 

Il futuro è luminoso e siamo pronti a ricambiare la fiducia posta in noi dal nostro team, dai nostri clienti e dai nostri investitori. I risultati del primo trimestre ci dicono che siamo sulla buona strada per raggiungere questo obiettivo a lungo termine” ha detto Doug Parker.

 

 

Ricavi e spese

 

  • Si è registrato un aumento del 2.0 percento nei ricavi totali, totalizzando 9,6 miliardi di dollari. Il ricavo totale per posti disponibili per miglio nel primo trimestre 2017 è aumentato del 3,1 percento rispetto all’anno precedente
  • Maturati circa 31 milioni di dollari per il piano dividendi dei profitti della compagnia

 

GAAP

1Q17      1Q16

Non-GAAP1

1Q17      1Q16

 

Total operating revenues ($ mil)

 

$   9,624

 

$   9,435

 

$   9,624

 

$   9,435

Total operating expenses ($ mil)       9,023       8,100       8,902       7,996
Operating income ($ mil) 601 1,335 722 1,439
Pre-tax income ($ mil) 365 1,117 491 1,221
Pre-tax margin 3.8% 11.8% 5.1% 12.9%
Net income ($ mil) 234 700 308 765
Earnings per diluted share $      0.46 $      1.14 $      0.61 $     1.25
         

 

 

In seguito ad una domanda forte e uno yield in crescita i ricavi totali sono saliti del 2.0 percento pari a 9,6 miliardi di dollari. Un altro ricavo in crescita del 9,3 percento è quello legato agli accordi con circuiti di carte di credito entrati in vigore nel terzo trimestre del 2016. Il ricavo totale per posti disponibili per miglio è aumentato del 3,1 percento a fronte di una diminuzione del 1,1 percento sul totale dei posti disponibili per miglio.

 

I costi operativi nel primo trimestre sono stati di 9,0 miliardi di dollari con una crescita del 11,4 percento sull’anno precedente dovuta principalmente ad un aumento del 37,8 percento in spese per il carburante. Il costo totale per posto disponibile per miglio è stato nel primo trimestre di 11,16 centesimi con un aumento del 7,6 percento sull’anno precedente dovuto soprattutto all’aumento del 6,5 percento fra retribuzioni e benefit e altri investimenti per migliorare l’operativo.

 

Iniziative commerciali

 

  • Iniziate le vendite della Basic Economy su 10 rotte per voli a partire dal 1° marzo e della Premium Economy su alcune rotte internazionali per voli a partire dal 4 maggio

 

  • Siglato un accordo con Scandinavian Airlines per accedere a due slot pair all’aeroporto Heathrow a Londra rafforzando la presenza di American, e del suo partner commerciale British Airways, in un importante gateway internazionale

 

  • Semplificate le procedure d’imbarco con l’utilizzo di numeri di gruppo intuitivi per ottimizzare e velocizzare gli imbarchi migliorando l’esperienza dei passeggeri

 

Proseguiamo nell’ampliamento della Basic Economy e della Premium Economy aggiungendo ulteriori opzioni al fine di offrire a ciascun cliente la tariffa giusta. Tutti i nuovi 787-9 hanno la Premium Economy, una nuova classe di servizio che sta a metà fra la Business e l’Economy sui voli internazionali. Entro la fine del 2017 saranno 14 gli aeromobili 787-9 presenti nella nostra flotta. Inoltre verso la fine di quest’anno avrà inizio un programma di rinnovamento, per includere la Premium Economy sui rimanenti aeromobili widebody, che sarà completato entro la fine del 2018.

 

“Benché sia prematuro dare dei dati, i risultati iniziali dei nostri nuovi prodotti Basic e Premium Economy sono incoraggianti. Circa il 50% dei clienti che trova l’opzione per la Basic Economy finisce per scegliere un biglietto di Economy dimostrando così di capire la differenza fra le opzioni e di scegliere il biglietto più giusto per il proprio viaggio” ha commentato Robert Isom, Presidente di American Airlines.

 

“Ci siamo mossi rapidamente anche di fronte all’opportunità di aggiungere due slot a Heathrow che ci serviranno per ampliare l’offerta da e per uno dei più importanti mercati commerciali” ha detto Isom.

 

“Ci aspettiamo che il TRASM (Total Revenue per Available Seat Mile) del secondo trimestre aumenti approssimativamente dal 3,0 al 5,0 percento riflettendo un aumento della domanda sia di chi viaggia per turismo, sia di chi viaggia per affari. Per il secondo trimestre prevediamo anche un margine a monte delle tasse, esclusi oneri speciali netti, fra l’11,0 e il 13,0 percento” ha aggiunto Isom.

 

 


Altri risultati

 

  • Pagati i dividendi annuali per il 2016, i primi dividendi su base annuale dopo la fusione

 

  • Contributo di 279 milioni di dollari per il piano di benefit della compagnia

 

  • Comunicata l’offerta di 10 settimane di maternità pagate e un rimborso di 4.000 dollari per spese di adozione

 

La compagnia ha inoltre annunciato di aver offerto un adeguamento della retribuzione oraria di base, per assistenti di volo e piloti, di circa il 5 percento per gli assistenti di volo e l’8 percento per i piloti.

 

 

Flotta

 

American continua il rinnovamento della propria flotta e ha in programma di investire quest’anno 4,1 miliardi di dollari in nuovi aeromobili. Nel primo trimestre la compagnia ha investito 1,2 miliardi di dollari con l’acquisizione di 17 aeromobili per la mainline e altri 5 per la flotta regionale. Queste consegne sostituiscono aeromobili che verranno dismessi. La compagnia ha inoltre in programma di investire 1,6 miliardi di dollari in altre spese, oltre all’acquisto di aeromobili, focalizzate sul miglioramento del prodotto e dell’operatività.

 

Per offrire una capacità flessibile dei widebody la compagnia ha raggiunto un accordo con Airbus per differire la consegna dell’A350 XWB dal 2018 alla fine del 2020. American ha in programma di ricevere ventidue A350 fra il 2020 e il 2024 con un differimento medio di circa due anni. La compagnia ha raggiunto un accordo anche con Boeing per differire la consegna di due 787-9 dal secondo trimestre del 2018 al primo trimestre del 2019.

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook