Smart&Start 2015 un’occasione per le giovani imprese

0

smart&startGiovani e non, occupati o disoccupati, l’avvio della nuova edizione della Smart&Start si rivolge a tutti coloro che pensano di essere in possesso di idee innovative e ad alto contenuto tecnologico. Per il resto non ci sono limiti di azione e campo per poter vedere la propria “start up” premiata con uno dei contributi che saranno coperti dagli oltre 200 milioni di euro messi in gioco, per combattere i problemi occupazionali, ma allo stesso tempo ridare forza ad un’economia come quella nostrana che ha accusato forte il colpo della crisi a causa anche della confusione che esiste sul confine tra tradizione (che va difesa e mantenuta) e superamento di un sistema obsoleto e destinato al declino.

Le domande per poter richiedere i contributi a Smart&Start devono essere presentate in via telematica. La data di inizio è partita il 16 febbraio, mentre non è prevista una scadenza, poiché i fondi saranno distribuiti fino all’esaurimento del fondo stesso, che è gestito, così come l’iter di accettazione o rifiuto delle richieste di contributo, da Invitalia.

Quindi, come da tradizione, oltre alla parte finanziaria, ci sarà anche una certa componente di consulenza, pensata per cercare di massimizzare i risultati, volgendoli rigorosamente in positivo. Tuttavia per evitare i problemi del passato, con contributi che non hanno portato a grandi risultati, anche la fase di accettazione sarà un po più prudenziale, per cui si raccomanda una certa chiarezza nell’esposizione delle proprie idee.

Perché Smart&Start dovrebbe convincere laddove Invitalia ha fallito? Perché alle spalle ci sono due percorsi completamente diversi, con la prima che nell’anno passato ha permesso la nascita e la crescita di 400 aziende, quando a disposizione c’erano solo 77 milioni di euro, contro gli attuali 200 milioni, e soprattutto con una platea molto più piccola, ristretta alle sole regioni del sud, puntando soprattutto su prestiti ai giovani (leggi http://www.zonaprestiti.com/prestito-giovani.htm). Ora invece la chance di poter avviare la propria start up di successo viene estesa a tutte le regioni italiane, con lo scopo, anche dichiarato, di invertire il fenomeno di fuga proprio dei giovani cervelli, che la crisi ha addirittura accelerato.

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook