QUIBIO PRESENTA LA PRIMA PEN DRIVE USB ITALIANA BIODEGRADABILE

0

Terminata la fase di test, iniziata alcuni mesi fa, Quibio.it presenta ufficialmente la prima pen drive usb italiana e completamente biodegradabile.
Prodotta da Quiservice srl, l’azienda che gestisce le attività di Quibio.it, la Bio Pen Drive è il primo prodotto italiano del genere e unisce due aspetti fondamentali della nostra epoca: la tecnologia e l’attenzione verso le tematiche ambientali.

La Bio Pen Drive è la prima chiave usb prodotta in Italia ricavata dal mais, ossia derivante dalla fermentazione dell’amido del granoturco e rappresenta un ulteriore passo avanti nel campo dello sviluppo sostenibile.

Completamente biodegradabile, non inquina l’ambiente e anzi lo protegge: le molecole di glucosio presenti nelle fibre vegetali, infatti, fermentano diventando acido lattico che, dopo un processo di polimerizzazione, si trasforma in PLA, polimero che ha il doppio vantaggio di essere biodegradabile ma anche molto resistente quanto la plastica. Dopo l’utilizzo, il PLA viene sintetizzato dai microorganismi presenti
in natura per essere poi trasformato in anidride carbonica e acqua.

La Bio Pen Drive è disponibile nei formati 2, 4, 8, 16 e 32 gigabyte ed è compatibile con tutti i principali sistemi operativi.

“Siamo molto orgogliosi di aver prodotto quest’oggetto, fin’ora soltanto grandi multinazionali estere avevano pensato a realizzare chiavette usb biodegradabili” ha detto Giuseppe Brau, titolare di Quibio.it. “Crediamo fortemente nell’alleanza tra tecnologia e Ambiente e, se ormai possiamo parlare di una vera e propria moda nei confronti del biodegradabile, lo dobbiamo anche a Quibio.it, che ha sempre perseguito l’obiettivo di unire le tecnologie del futuro, ovvero il Web, con la sensibilità ambientale. Anche per questo, nelle settimane passate, abbiamo deciso di ritoccare
i nostri prezzi, applicando sconti per l’acquisto di più confezioni di uno stesso prodotto: perchè rispettare l’Ambiente significa preservare la Terra per i nostri figli”.

Notizia offerta da:

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook