La PEC e la Firma Digitale di Aruba a supporto del Consiglio Nazionale degli Architetti (CNAPPC)

0

 Aruba S.p.A. , azienda specializzata nei servizi di data center, cloud, web hosting, e-mail, PEC e registrazione domini, è stata scelta dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC) come fornitore per l’attivazione di PEC e Firma Digitale nelle pratiche edilizie dell’Ordine degli Architetti.

Per il CNAPPC, la PEC rappresenta il punto di massima efficienza dal punto di vista delle comunicazioni, sia per quanto riguarda l’efficacia del mezzo, sia per quanto attiene alla sua convenienza economica. La collaborazione tra Aruba e il CNAPPC, infatti, è nata per rispondere alle necessità di accelerare la burocrazia già nel 2008, quando l’Ordine più numeroso d’Italia aveva ancora forti difficoltà di comunicazione con i propri iscritti. Basti pensare che, solo 10 anni fa, inviare una semplice raccomandata ad ogni singolo iscritto comportava per l’Ordine una spesa complessiva di circa 150.000 euro.

Oltre alla PEC – strumento importantissimo per interloquire con la Pubblica Amministrazione –  l’Ordine aveva bisogno di uno strumento di certificazione, che consentisse l’individuazione del professionista alla pari di quando si utilizzava il timbro professionale. Tale obiettivo è stato raggiunto attraverso l’utilizzo della Firma Digitale di Aruba. Ogni iscritto, infatti, è stato dotato della propria Firma Digitale, che include al proprio interno anche il certificato di ruolo che garantisce all’Amministrazione che l’Architetto di riferimento può essere abilitato alla consegna della pratica edilizia relativa.

Un esempio concreto del successo legato a questa collaborazione è relativo all’impiego della PEC per comunicare con il Comune di Roma: la Posta Elettronica Certificata, infatti, ha dato la possibilità di interfacciarsi facilmente con il Comune ed ottenere dei risparmi considerevoli sia in termini di tempo che di denaro relativamente alla pratica edilizia. Attraverso questa sperimentazione, per ogni pratica edilizia si sono impiegati due terzi del tempo che si impiegavano attraverso le pratiche cartacee e sono stati calcolati costi di risparmio fino a 300 euro per ogni singola pratica.

Dopo questa fase di sperimentazione e dati gli ottimi risultati, il progetto è diventato di respiro nazionale. È stato preso in esame dal Ministero della Semplificazione ed oggi l’Agenda della Semplificazione prevede di disporre di modelli unici telematici a livello nazionale e di una modulistica uguale in tutta Italia.

“Oggi siamo in grado di poter consegnare le pratiche edilizie a Torino pur avendo base a Roma, o a Messina pur rimanendo a Firenze – ha commentato Fabrizio Pistolesi, Consigliere del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori – Questo chiaramente corrisponde a un risparmio di tempo e di denaro, ma si traduce principalmente in efficienza, sia da parte dei professionisti che da parte dell’Amministrazione.”

“La Pubblica Amministrazione sta procedendo velocemente nel processo di digitalizzazione che serve ad abbattere quelle barriere che ancora la tengono legata ad una gestione cartacea della burocrazia – ha dichiarato Simone Braccagni, Amministratore Delegato di Aruba PEC –  Per farlo ha bisogno di fidarsi degli strumenti che la tecnologia le mette a disposizione, tra cui la PEC, la Firma Digitale, lo SPID e non solo. Il caso del CNAPPC fa capire come i vantaggi che ne derivano sono evidenti, a partire dalla semplicità, in quanto tutti i servizi diventano disponibili in real time, senza la necessità di doversi dotare dell’infrastruttura e potendo utilizzare pannelli di gestione semplici e affidabili.”

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook