RICERCA UNIVERSITARIA, PREMIATA L’UNIVERSITA’ DI FOGGIA

0

“La premialità riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione all’Università degli Studi di Foggia per i risultati conseguiti tra il 2005 ed il 2008 nel campo della ricerca è una notizia positiva, che conferma la qualità del sistema universitario della Capitanata e l’eccellenza del nostro Ateneo”. È il commento di Antonio Pepe, presidente della Provincia di Foggia, all’assegnazione da parte del Ministero dell’Istruzione di un bonus di 720mila euro all’Università degli Studi di Foggia in ragione dei risultati conseguiti sul terreno della ricerca e della didattica.

“Voglio esprimere un sincero ringraziamento al professor Antonio Muscio, perché è proprio nel corso del suo rettorato che sono maturate le condizioni affinché il Ministero riconoscesse questo bonus, che fa aumentare la quota assegnata all’Ateneo Dauno del 50 cento rispetto allo scorso Anno Accademico – afferma il presidente della Provincia –. Tutto questo è la dimostrazione concreta del fatto che l’Università degli Studi di Foggia si qualifica ormai come un polo d’eccellenza all’interno del sistema universitario pugliese e meridionale. Un patrimonio che con il suo lavoro il rettore Giuliano Volpe sta valorizzando in modo puntuale ed efficace”.

“A noi – aggiunge Antonio Pepe – spetta adesso il compito di ripartire da questa attestazione di merito, proseguendo nel percorso di sinergia istituzionale e sostegno alla nostra Università, per rafforzare la sua crescita, nella convinzione che gli investimenti sul sapere siano lo strumento più efficace per costruire progresso e sviluppo per il nostro territorio”.

“L’assegnazione della premialità da parte del Ministero guidato da Mariastella Gelmini – sottolinea il presidente della Provincia – evidenzia inoltre come la strada indicata dal governo sia quella della meritocrazia e dell’efficienza. Una strada – conclude Pepe – che è necessario percorrere insieme con senso di responsabilità per dar vita ad un sistema della ricerca migliore e al passo con i livelli qualitativi europei”.

Comments are closed.

Chiudi Popup
Seguici su Facebook